×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 562

Lobophytum sp.

 

Lobophytum sp

Nome scientifico Lobophytum sp.

Phylum - Celenterati

Classe - Antozoi

Ordine - Alcionacei

Famiglia - Alcyoniidae

Specie - Lobophytum crassum; Lobophytum pauciflorum

Distribuzione geografica - Oceano Pacifico e Indiano.

Descrizione - Invertebrato molle a forma di fungo, fissato saldamente al substrato con numerosi polipi di diversa lunghezza, a secondo delle specie, che possono totalmente ritirarsi all’interno della colonia in caso di pericolo. Specialmente i giovani esemplari sono simili ai Sarcophyton e si differenziano prevalentemente per la presenza di due diversi polipi e per i cosiddetti “lobi” a forma di una mano. La colorazione varia dal grigio al bruno. Può raggiungere una lunghezza di 25 cm.

Ambiente - In acquario vive bene e a lungo. Si dovrà trovare una posizione molto illuminata con un buon movimento dell’acqua.

Caratteristiche dell’acqua - PH 8,1-8,3; kh 9-13; Calcio 400-440; Temperatura. 23°-26°

Densità - 1021-1023

Alimentazione - Si nutre principalmente tramite le alghe zooxanthellae ma lo si può nutrire anche con fitoplancton, artemie e con prodotti liquidi specifici per coralli.

Comportamento - In condizioni ottimali la colonia presenta i polipi sempre aperti e ritirandosi totalmente all’interno della colonia in caso di pericolo. Periodicamente espelle le sostanze nocive con la muta creando una pellicola trasparente.

Compatibilità - Evitare di posizionarlo in prossimità di animali urticanti.

Riproduzione - In acquario avviene per talea incastrando un pezzo di colonia all’interno di un foro o bloccando la base su una roccia. In breve tempo dei sottili filamenti lo salderanno al substrato. E’ possibile riprodurlo forzatamente con tagli del tronco ma in alcuni casi il corallo non reagisce bene, deperendo fino alla morte.

Livello di difficoltà - Non presenta particolari esigenze quindi adatto ai neofiti.

Consigli personali - Si ambienta facilmente in acquario purché venga posizionato adeguatamente ed evitare corrente troppo forte. E’ un corallo che si adatta in acquari non ancora stabili e in fase di maturazione.

  

Letto 2526 volte
Altro in questa categoria: « Sinularia sp. Zoanthus sp »
Devi effettuare il login per inviare commenti