×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 562

Tripterygion tripteronotus - Peperoncino rosso

 

 Peperoncino rosso

Nome comune - Peperoncino rosso

Famiglia - Tripterigidi

Distribuzione geografica - Vive in tutto il mediterraneo su fondali rocciosi, in prossimità di grotte da 1 a 3 metri di profondità.

Descrizione - Corpo allungato e compresso e muso appuntito. Il colore di fondo è il rosso intenso con testa scura. La femmina ha una colorazione marrone. Pinna caudale e pettorali di colore rosso con striature gialle. Può raggiungere 7-8 cm di lunghezza.

Ambiente - Necessita  di ambienti rocciosi ricchi di nascondigli e al riparo da illuminazione intenza. In natura si trova spesso vicino a colonie di Astroides Calicularis e spugne con la sua stessa colorazione.

Temperatura -  18° - 22° , vivendo in pozze di marea, tollera temperature elevate.

Densità - 1023 -1025

Alimentazione - E' consigliabile somministrare piccoli pezzi di gamberi o cozze e solo dopo un certo periodo di tempo mangimi secchi. In presenza di pesci più voraci potrebbe avere problemi di nutrizioni.

Comportamento - Pesce stazionario, dopo un certo periodo di acclimatamento si ambienta facilmente in acquario, posizionandosi in prossimità di nascondigli e al riparo dalla luce intensa.

Compatibilità - Convive facilmente con altre specie di indole pacifica. Non inserire in acquario pesci troppo piccoli con predatori come serranidi e cernie.

Cattura - Si può facilmente pescare in ambienti rocciosi con retini ma anche con ami. In qust'ultimo caso si consiglia di utilizzare ami piccoli e lunghi limando l'ardiglione e avendo cura durante il disinnesco di avere le mani bagnate al fine di limitare i danni. Utilizzeremo come esca vermi ( coreano ) e pezzetti di gambero.

Consigli personali - Il Peperoncino rosso è un piccolo pesce molto timido e nello stesso tempo molto curioso, resistente, non passerà di certo inosservato all'interno dell'acquario. Sarà necessario trasportarlo in mare in caso di evidenti malesseri di acclimatamento e nel caso in cui non dovesse mangiare regolarmente o con difficoltà.

Letto 1186 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti