×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 562

Spurgare le Rocce vive

Vota questo articolo
(1 Vota)

Nell’allestire il proprio acquario marino “Reef”, molti acquariofili utilizzano rocce vive da stabulare o da “spurgare”.

Per praticità e per accelerare la maturazione della vasca, in particolare per i principianti, consigliamo l’acquisto, presso il proprio negoziante di fiducia, di rocce già mature ed evitare così di arrecare danni alla vasca con picchi di sostanze inquinanti generate dal notevole carico organico prodotto.

Vediamo brevemente quale procedura seguire per non danneggiare totalmente la vita presente nelle rocce.

In vasche di nuova costituzione è possibile spurgare le rocce direttamente in acquario purché non siano presenti pesci e invertebrati ed utilizzare invece un recipiente molto capiente o semplicemente una bacinella in vasche già avviate.

Spurgare Rocce Vive

In entrambi i casi, spazzolare le rocce prima dell’inserimento in acqua ed eliminare detriti, alghe e organismi in decomposizione. Posizionarle in acqua garantendo un buon movimento dell’acqua e in modo che i detriti possano depositarsi sul fondo ed essere rimossi con un sifone ricordando di mantenere in funzione e sempre pulito lo skimmer ed altri materiali filtranti.

Effettuare un cambio di acqua ogni 10 giorni aspirando i sedimenti prodotti. In questa fase è assolutamente sconsigliato inserire sabbia nel fondo.

Spurgare Rocce Vive

Per preservare parte degli organismi presenti consigliamo di non illuminare la vasca nella prima settimana, attivare la luce per un’ora al giorno nella seconda e procedere progressivamente aumentando di un’ora ogni 4 giorni fino a raggiungere le 8-9 ore giornaliere.

 

Letto 3158 volte
Altro in questa categoria: « Le zooxantelle in simbiosi con i coralli
Devi effettuare il login per inviare commenti